Enzo Fileno Carabba
Il digiunatore
Ponte alle Grazie

Presentato da
Alessandra Tedesco

«Un romanzo costruito per quadri che restituiscono al lettore la vita straordinaria di Giovanni Succi, uno dei più grandi digiunatori della storia, nato a Cesenatico nel 1850. All’epoca i digiunatori andavano di moda e si esibivano in pubblico, così come fece lo stesso Succi. Per lui, però, il digiuno era un modo di stare al mondo, una filosofia di vita. È questa la versione che ci trasferisce Enzo Fileno Carabba con Il digiunatore. Un romanzo appassionante, frutto di anni di studio, che racconta una storia vera e stravagante. Uno stile asciutto, ma pieno di immaginazione, un linguaggio che per contrasto fa emergere lo straordinario. In fondo la vita stessa di Succi si basava su un costante ribaltamento dei piani: il digiunatore era cresciuto in una terra di mangiatori, l’astensione dal cibo gli procurava forza ed energia, poteri quasi paranormali, l’esperienza del manicomio gli stimolava la volontà di condividere con gli altri il proprio dono. Così come un certo senso dell’umorismo fu compagno di vita di Succi (che pure attraversò dolori e sofferenze e sopportò il peso della calunnia), allo stesso modo Carabba sceglie di raccontare la sua storia con lievità, anche quando narra l’esperienza del manicomio, le pagine più intense e felici del romanzo. Enzo Fileno Carabba ha il merito di aver acceso un faro sulla vita, quasi sconosciuta, di Giovanni Succi, un generoso megalomane che ha attraversato il suo tempo incrociando persone che hanno fatto la Storia (Salgari, Buffalo Bill, Giuseppe Verdi, Charcot), ma soprattutto ha il merito di aver aperto al lettore la porta della meraviglia.»