Alberto Garlini
Il sole senza ombra
Mondadori

Presentato da
Caterina Bonvicini

«Quando, questa estate, ho finito di leggere in bozze Il sole senza ombra (Mondadori), ho pensato: “A questo giro, Alberto Garlini ha scritto un capolavoro”. Alberto Garlini è uno scrittore maturo, complesso e prolifico, sempre pronto a mettersi in gioco con generi letterari e temi diversi, spesso lontani fra loro. Ma tutti i suoi romanzi hanno una cosa in comune: sono stati scritti per interrogare il lettore, per obbligarlo a riflettere sul lato oscuro del presente.
Con Il sole senza ombra, Alberto Garlini si è superato. Come nella Legge dell’odio, altro magnifico libro, il livello di provocazione è inversamente proporzionale alla scrittura, elegante e sorvegliata, densa e curatissima. Le pagine prendono a schiaffi, ma sono schiaffi di stile. Di nuovo sceglie un eroe negativo, stavolta un comico, per chiedersi fino a che punto è lecita la libertà di parola. La storia è ambientata negli anni Settanta e Ottanta ma il libro parla dell’oggi: di quella violenza che si scatena puntualmente sui social, della volgarità del dibattito politico attuale, dei toni troppo alti a cui ci ha abituati la contemporaneità.
Con gioia, candido al Premio Strega 2022 questo libro che in modo originale e travolgente racconta il potere, quello malsano, che tutti noi abbiamo continuamente sotto gli occhi.»