recensionirecensioni 2021

La gioia della scrittura

Lorenza Rocco Carbone
La gioia della scrittura
Kairós

Proposto da
Marcello Rotili
«Lorenza Rocco dà forma di romanzo alla biografia letteraria di uno degli scrittori più prolifici del secondo Novecento, un meridionale scrittore, com’egli stesso si definiva, e non uno scrittore meridionale: la straordinaria figura intellettuale e morale di Michele Prisco emerge dalle pagine di Rocco nell’esame serrato della sequenza dei suoi numerosi romanzi e racconti di ambientazione napoletano-vesuviana; un esame che non prescinde dalla considerazione degli altri molteplici interessi dello scrittore, impegnato anche in un’intensa attività giornalistica estesa alla critica cinematografica.
Il racconto dell’autrice illustra la concezione estetica e la dimensione esistenziale di Michele Prisco, vissuto nella costanza del rapporto fra letteratura, piacere della scrittura e vita, ripercorsa, quest’ultima, da Rocco, attraverso l’esame attento dell’esperienza familiare sin dalla felice infanzia e dall’adolescenza in un’agiata famiglia di solide tradizioni e interessi culturali nella quale il giovane Michele maturò la sua vocazione per l’analisi dell’animo umano, esplorato anzitutto nell’esperienza della lettura intesa come momento di autoanalisi e di confronto.»