Alessandro Scafi
L’uomo con le radici in cielo
SEM

Presentato da
Laura Bosio

«Si entra, anzi si penetra e si sprofonda dentro le pagine di questo libro come se si fosse al fianco di chi le sta scrivendo. Un uomo e un’anima divisi indissolubilmente in due: l’Alessandro che vive a Londra e che al celebre Warburg Institute studia le cartografie del Paradiso medievali e moderne che collocavano l’ultramondano in un luogo specifico della terra, forse tra il Gange e il Nilo; e l’Alessandro preso dalla vita, dalle donne che ripetutamente seduce, dall’ebbrezza delle veleggiate sul mare abruzzese dell’infanzia, e insieme da una tensione spirituale verso un irraggiungibile ma ineludibile divino. Alla ricerca, come gli autori delle bellissime carte che esplora, di un trascendente insediato, di un cielo in terra, con un’ansia di perfezione che rifugge ogni mediocrità. Finché un’estate, preannunciato da malesseri che i medici non riescono subito a interpretare, nel suo cervello si insedia un tumore. Un po’ come l’amato Dante, Alessandro assaggia la morte, precipitando sotto la superficie terrestre, in un viaggio infernale dal quale risale rinnovato. E comincia a scriverla, la vicenda che lo ha portato alla Vita nova e all’incontro con la Donna Unica, la vera Beatrice, per renderla universale donando anche agli altri “il beneficio del pianto e del riso”. Nel suo modo fiammeggiante, scoppiettante, quotidiano e alto, bizzarro e intenso, libertino e profondamente morale che mi ha conquistata.»