recensionirecensioni 2020

Miss Rosselli

Renzo Paris
Miss Rosselli
Neri Pozza

Proposto da
Nadia Terranova

«Questo è un libro di visioni, di fantasmi, di ossessioni, di sepoltura degli addii e di disseppellimento dei ricordi; è un libro che racconta un tempo in cui le relazioni fra gli artisti, gli eventi storici e la poesia erano indissolubili, quel tempo era il secolo scorso e per le vie dell’Urbe, oggi, può capitare di seguire l’apparizione di uno spettro e arrivare alla casa di via del Corallo dove ha abitato e ha deciso di morire Amelia Rosselli. Renzo Paris racconta l’amicizia con Amelia, la sua Melina, e restituisce, senza mitizzazioni kitsch, la malattia, l’estraniamento, il genio incontrollabile, i difficili e intensi rapporti con la realtà, con la famiglia, con l’ombra del padre, con gli amici. Miss Rosselli dovrebbe essere letto da tutti non solo perché svela sottostorie e controstorie inedite di una delle più importanti poetesse italiane, ma anche perché, nel far rinascere l’atmosfera di quegli anni, compie il miracolo di una vividezza senza nostalgia, anzi accende nei lettori, anche più giovani, un furore denso di futuro; è un libro che fa venire voglia di vivere dentro la letteratura, che ne rinnova l’amore. La scrittura di Paris, poeta, narratore, critico e instancabile testimone della Roma del secondo Novecento, in queste pagine è lieve e implacabile, precisa, tiene il ritmo costante di una profonda leggiadria, tenacemente alla ricerca, sofferta e riuscitissima, delle parole giuste per andare oltre il ritratto, dispiegando il passaggio terrestre dell’autrice di versi che annoveriamo fra gli indimenticabili di ogni tempo.»