Titti Marrone
La donna capovolta
Iacobellieditore

Proposto da
Marina Zancan

«Eleonora, cinquantotto anni, donna emancipata e colta – insegna filosofia all’università, attenta alle prospettive degli studi di genere – ha una figlia, Laura, che studia all’estero, e un marito, Paolo, sullo sfondo della sua vita quotidiana. Alina, moldava (ma da dieci anni in Italia come badante), a sua volta emancipata e colta – laureata in ingegneria elettronica e appassionata di letteratura (Dante in particolare, suo maestro per l’apprendimento della lingua italiana) –, ha anch’essa un figlio “Misha” che studia a Barcellona e un marito sullo sfondo della sua terra d’origine. Tra Eleonora ed Alina – che nel romanzo di Titti Marrone raccontano in prima persona i riflessi interiori delle proprie esperienze quotidiane – si dispone la figura di Erminia, donna anziana affetta da una malattia degenerativa, madre di Eleonora, affidata alle cure di Alina, la badante. La sua vicenda – narrata in terza persona in brevi capitoli intitolati Loro – si dispone dunque all’interno del rapporto complesso e sempre più conflittuale tra Eleonora ed Alina, ognuna proiettata nel proprio ruolo, la padrona e la badante, una diversità che a tratti sembra tutelarle dalla conoscenza profonda di sé. Nell’intreccio delle voci e dei punti di vista emerge un racconto lieve e insieme profondo, ironico e a tratti tragico che racconta, oltre ai temi della vecchiaia, le difficoltà che emergono in ogni processo di integrazione sociale.»

Le votazioni sono chiuse

Puoi consultare il calendario per conoscere le prossime scadenze: se non trovi le indicazioni puoi richiederci direttamente le informazioni che ti servono.