Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
libro
autore
traduttore
istituto
post
page

Frances Hardinge

immagine per Frances Hardinge In concorso con:
L’albero delle bugie, Mondadori Ragazzi

Frances Hardinge è cresciuta in una vecchia casa nelle campagne del Kent. Ha studiato letteratura all’università di Oxford e ha cominciato la sua carriera dopo aver vinto il premio indetto da una rivista. Dopo Philip Pullman e dopo quattordici anni, L’albero delle bugie è stato il primo libro per ragazzi a vincere il Costa Book Award 2015, uno dei più importanti premi letterari inglesi.

Intervista all’autrice

Ti ricordi qual è stato il primo libro che hai letto?
Sin da piccole i miei genitori hanno circondato di libri me e mia sorella, quindi non riesco a ricordare con certezza qual è stato il primo libro che ho letto! Sono particolarmente affezionata al Piccolo bruco Maisazio. Ricordo anche che a cinque o sei anni, quando cominciai a leggere per conto mio, mi aveva colpito molto James e la pesca gigante di Roald Dahl.

Perché e quando hai deciso di scrivere un libro per ragazzi?
Scrivevo molti racconti da adolescente, o quando avevo vent’anni, la maggior parte a dire il vero per adulti. Avevo quasi trent’anni quando una mia cara amica, Rhiannon Lassiter, mi consigliò di provare a scrivere un libro per ragazzi. Rhiannon era stata pubblicata da giovanissima, prima dei vent’anni, e si era accorta che le favole dark e bizzarre che scrivevo avrebbero funzionato molto meglio come libri per giovani lettori (non ci avevo mai pensato).
Ho seguito il suo consiglio e ho scritto un paio di capitoli, ma non ero molto fiduciosa. Fortunatamente Rhiannon è molto risoluta, ed era convinta che saremmo riuscite a pubblicare…

Ci sono degli autori o un autore in particolare che hanno influenzato il tuo lavoro di scrittore?
Mi hanno chiesto spesso quale sia il mio libro o il mio autore preferito, ma è impossibile rispondere: ce ne sono troppi! Comunque, se penso all’autore che mi ha ispirato di più, scelgo mio nonno materno, che ha scritto sotto il nome di H Mills West.
Veniva da una famiglia povera e aveva dovuto abbandonare la scuola per andare a lavorare quando aveva quattordici anni, perché i suoi genitori avevano bisogno di più soldi. Ad ogni modo, era molto brillante, e non ha mai rinunciato alla sua educazione. Leggeva tutto ciò che gli capitava per le mani, e ha studiato da solo al punto da frequentare un corso per diventare insegnante, fino a riuscirci. Poi ha cominciato a scrivere nel tempo libero, arrivando a pubblicare una dozzina di libri. Impressionante per un ragazzo che ha abbandonato gli studi a quattordici anni!

Raccontaci in breve una giornata tipo di quando scrivi.
È piuttosto difficile. Provo a mantenere il ritmo di una giornata lavorativa 9-17 … ma molto spesso non ci riesco. Certi giorni scrivo per due ore, altri per diciassette ore filate, molto spesso perché la consegna è vicina. Quando sono bloccata a volte lascio il computer e vado a fare una lunga passeggiata, mi aiuta molto a schiarirmi le idee. Altri giorni non scrivo affatto, perché magari intervengo in incontri nelle scuole, in libreria o in festival letterari.
Molte delle mie storie nascono nel mio studio, che uso anche come magazzino. È molto disordinato con scatole di libri, carta da imballaggio, pistole ad acqua e altri oggetti a caso, ma ha una bella vista sul parco vicino.

Cosa ti piacerebbe che pensassero i tuoi lettori una volta terminato il tuo libro?
Idealmente vorrei che avessero voglia di comprare altri miei libri!

Che cosa consiglieresti a un tuo lettore che volesse scrivere un libro?
Essere tenaci. Spesso la fortuna ha un ruolo fondamentale nel successo, ma più scrivi, più tempo sacrifichi al lavoro, e più possibilità avrai di essere fortunato.

Giacomo Agnetti
Ferdinando Albertazzi
Fernando Almena
Gigliola Alvisi
Luigi Ballerini
Simone Baroni
Tutti caricati