Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
libro
autore
traduttore
istituto
post
page

I libri che divorarono mio padre. La strana e magica storia di Vivaldo Bonfim

immagine per I libri che divorarono mio padre. La strana e magica storia di Vivaldo Bonfim Autore: Afonso Cruz 
Traduzione di: Nunzia De Palma 
Titolo: I libri che divorarono mio padre. La strana e magica storia di Vivaldo Bonfim
Editore: Officina Libraria
Anno di pubblicazione: Settembre 2017

Elias Bonfim ha dodici anni ed è orfano. Prima che nascesse, Vivaldo, suo padre, un impiegato che passava il tempo a leggere nell’ufficio in cui avrebbe dovuto lavorare, è scomparso nell’Isola del dottor Moreau. Elias era certo che fosse banalmente morto d’infarto, ma per il suo dodicesimo compleanno la nonna gli regala le chiavi della soffitta in cui è stipata l’immensa biblioteca di suo padre e gli racconta la vera storia. Elias comincia allora una bulimica lettura di tutti i volumi che incontra nella biblioteca, seguendo le tracce lasciate da suo padre libro per libro, con l’intento di ritrovarlo, passando dal libro che l’ha divorato al Dr. Jekyll e Mr. Hyde e attraversando una serie di classici della letteratura d’avventura fino ad arrivare a Delitto e castigo. Mentre parallelamente scorre la vita quotidiana – con le lezioni, la ragazzina più bella della scuola di cui sia Elias che il suo migliore amico diabetico, vittima di bullismo, sono innamorati, e le incomprensioni materne –, Elias si immerge nella lettura fino a cadere, come suo padre, nei libri, ritrovandosi a conversare di vita, di letteratura e della fine che ha fatto Vivaldo con pericolosi assassini, cani trasformati in uomini e medici dalla doppia personalità, affrontando, pagina dopo pagina, tutte le insidie che nascondono la carta stampata e il diventare grandi.


Acquista su

Le volpi del deserto
Bambolina
La bu(e)lla storia di Giangi Sparato
Ogni attimo è nostro
I rintocchi della Marangona
L’incantatore di mouse. Il Pifferaio magico come nessuno ve l’ha mai raccontato
Tutti caricati